CONGRESSO DEL CIRCOLO DEL PARTITO DEMOCRATICO DI GORGONZOLA

LINEE PROGRAMMATICHE

 

La tornata elettorale del 2013 rappresenta un punto di non ritorno, indipendentemente dai risultati raggiunti. L’astensionismo e la crescita di forze politiche “di protesta” sono dati che denunciano la crisi che sta vivendo la nostra democrazia.

 

Nel contempo osserviamo il declino della parabola berlusconiana, quelli che speriamo essere gli ultimi sussulti di una stagione da sempre improduttiva.

Per queste ragioni la politica e i partiti hanno il compito doveroso di tornare ad interpretare quel ruolo di intermediazione sociale per cui sono nati. Il Partito Democratico è oggi l’unico soggetto politico a chiamarsi partito ed è l’unico soggetto che può e deve farsi carico di ricondurre il paese sui binari della democrazia, restituendola ai cittadini assieme ad una classe dirigente rinnovata e che sappia farsene interprete.

 

Il mondo è cambiato.

 

Le regole che hanno scandito la politica degli ultimi vent’anni non hanno più valore, attingono a framework culturali minoritari nella società. Aggiungiamo che le relazioni su cui si fonda il nostro partito sono in esaurimento. Queste relazioni vanno alimentate, rinnovate e dove necessario sostituite: solo così possiamo continuare nella costruzione di un grande soggetto politico del centrosinistra che sia popolare e riformista.

 

Dunque al centro la relazione. Guardiamo ai nostri concittadini, associazioni, studenti, rappresentanze del mondo del lavoro e chiediamoci cosa possiamo fare per loro, come possiamo metterci al loro servizio. Ritorniamo a quella funzione di servizio propria dei partiti e di chi fa politica. Pensiamo a quali servizi possiamo offrire per coinvolgere e stimolare la loro partecipazione alla vita politica e alla vita politica all’interno del Partito democratico.

Relazione ascolto e partecipazione. Per adempiere alla nostra mission, l’organizzazione del consenso. Per sostenere l’Amministrazione comunale.

Tutto questo con una consapevolezza: il lavoro di relazione è nullo se non si traduce in proposta, perché se le persone non vedono il frutto del loro lavoro allora possono pensare che quel lavoro sia stato inutile.

 

La proposta dovrà necessariamente assumere i caratteri di una rivoluzione dell’approccio politico e amministrativo. Il tempo dei campanili ha una data di scadenza, ma la si può eliminare con la convinzione che i campanili, i comuni hanno senso solo se erogano servizi e servizi di qualità. A queste condizioni i campanili non moriranno mai. Diversamente la difesa dei confini sarà causa di collasso economico, politico e sociale di intere comunità.

Questa rivoluzione amministrativa passa per la Città Metropolitana e la grande partita delle gestioni associate.

Questo è l’orizzonte che vedo di fronte a noi: per non farci trovare impreparati dovremo lavorare sulla nostra capacità progettuale, declinare la proposta congressuale in obiettivi ed aree tematiche, individuando i tempi e le risorse necessarie.

 

I tempi principali, oltre a quelli amministrativi già citati, voglio siano promossi dal nuovo coordinamento e dagli iscritti.

Sicuramente il controllo e la programmazione delle risorse dovrà richiedere immediate riflessioni. Il primo passo sarà disegnare lo scenario da qui a 5 anni. Quindi consolidare ed espandere le fonti di finanziamento.

 

Credo nella necessità di individuare progetti, con cadenze temporali diverse, sia per controllare l’utilizzo delle risorse, sia dare maggiore coerenza alla nostra attività. Questo avrà effetti notevoli dal punto di vista delle percezione del circolo e delle sue attività, sempre se assistite da adeguata comunicazione.

Se faremo bene questo lavoro e lo sosterremo con formazione mirata, allora arriveremo nel 2018 con una classe dirigente rinnovata e preparata e avremo la forza e capacità per ritagliare per Gorgonzola ruolo e spazi maggiori.

Su queste basi ho proposto la mia candidatura e ricevuto il sostegno degli iscritti; a tutti loro vanno i miei ringraziamenti e l’invito a dare spinta continua al mio lavoro e a quello di tutto il coordinamento neoeletto.

 

Grazie.

Gorgonzola, 27/10/2013

 

Alessandro Bianchi

(Segretario Circolo PD di Gorgonzola)


 

PARTITO DEMOCRATICO

         Circolo ARTICOLO 3                                           

 Via Leonardo Da Vinci, 1/A            20064, Gorgonzola

segreteria@pdgorgonzola.com